Tantra Buddhista della scuola cinese

Home/Anteprima, Blog "Al Centro", Corsi/Tantra Buddhista della scuola cinese

Tantra buddhista della scuola cinese

C’è tanto oriente in questa definizione. India, Cina, Giappone.
In effetti i seminari di Tantra Buddhista cinese sono il frutto di un lungo percorso che dallo yoga indiano, arriva alla scuola cinese della tradizione del Maestro Liang Shou Yu. E al centro natura arrivano grazie alla Scuola Kayuntao.

Si basa sugli antichi insegnamenti del monaco indiano Naropa, prevalentemente di carattere pratico. Sono incentrati sull’azione del corpo (mudra), del respiro o della voce (mantra) e sulla visualizzazione della mente (mandala). Il fine è di realizzare la natura assoluta di questi fenomeni, che costituisce il continuum del nostro essere.  Tantra letteralmente significa trama o continuazione.

venerdì 15 marzo il primo seminario di Tantra buddhista della scuola cinese

Cosa si fa in un incontro di Tantra buddhista cinese? Esercizi, da svolgere in posizione seduta o in piedi, sia fisici che di respirazione. A questi si aggiungono l’uso dei mantra e forme di meditazione.

Le pratiche che vengono insegnate in questi seminari appartengono alla tradizione Tantrica,  nella cultura cinese detta Mizong che significa dottrina segreta, poiché strettamente connessa all’insegnamento diretto di un maestro. L’insegnante Francesca Francese è attualmente l’unica responsabile del Dojo della Scuola Kayuntao dell’insegnamento del Mikkyo (Buddhismo Tantrico Giapponese) ai laici ed agli aspiranti monaci.

Il seminario si svolge il venerdì dalle ore 20:15 alle 22:45. Ne abbiamo programmato uno al mese, ma sono strutturati in modo per frequentarli anche singolarmente.

Le iscrizioni sono accolte dalla segreteria, i posti sono limitati.

Kayuntao, la scuola di arti marziali si propone al centro natura con corsi di Spada giapponese, Shen Gong e Tai Ji Quan. Il Maestro Mattioli la fonda con l’intenzione di superare le sterili divisioni tra stili e scuole. La sua proposta è di ricercare invece una visuale più ampia e luminosa, dove le varie discipline formano un tutt’uno ben strutturato, e che al contempo siano definite e riconoscibili nel loro valore intrinseco.

Tantra buddhista della scuola cinese a Bologna