Scuola di yoga Centro Natura: una mappa dei nostri valori.

Al momento stai visualizzando Scuola di yoga Centro Natura: una mappa dei nostri valori.
  • Categoria dell'articolo:Blog "Al Centro" / News / Yoga
  • Tempo di lettura:7 minuti di lettura

A cura della Scuola di Yoga Centro Natura

 

Da tempo, ormai, il Centro Natura ha deciso di strutturare l’insegnamento dello yoga dandogli la forma di una vera e propria scuola. Frequentare un corso di yoga al Centro Natura significa quindi scegliere un percorso e un/a insegnante che non operano in modo isolato, ma si raccordano con una Scuola che ne orienta i princìpi e ne garantisce la qualità e la professionalità. Attualmente le proposte e gli spazi di yoga si moltiplicano ed è estremamente facile definirsi ‘insegnanti’. Ci sembra allora necessario rendere espliciti i nostri valori, l’anima della nostra Scuola, in cui tutte/i le/gli insegnanti si riconoscono.

 

Yoga per tutti i corpi

Osserviamo oggi l’estrema commercializzazione dello yoga che si accompagna all’idealizzazione dei corpi rappresentati quasi sempre come persone giovanissime, straordinariamente flessibili e forti, in posizione coreografiche e difficilissime. Al Centro Natura lo yoga è per tutti i corpi e per tutte le età. Sono le posizioni che devono adattarsi al corpo del praticante, che partendo dal punto in cui si trova sviluppa gradualmente le sue potenzialità. Non esiste un obiettivo unico per tutti e per tutte, per questo non amiamo la spettacolarizzazione delle posizioni, anche quando esteticamente impeccabili. Non ci interessano le performance, men che meno gli applausi, perché siamo consapevoli che la posizione è uno strumento, il mezzo e non il fine, per esplorare il corpo e per coltivare uno sguardo interiore. Possiamo iniziare a praticare yoga da bambini o in qualunque momento della nostra vita e in qualunque condizione e da lì in avanti lo yoga ci può accompagnare, crescendo e cambiando insieme a noi.

 

Non solo ginnastica  

Praticare yoga non è qualcosa che si fa solo col corpo. Ogni lezione è un’esperienza unitaria di corpo, respiro e mente. Nei nostri corsi troverete una conduzione che non si esaurisce con la proposta delle posture (asana), ma coinvolge anche respiro e mente attraverso l’insegnamento di tecniche di pranayama e meditazione. Proponiamo approfondimenti della disciplina, fatta anche di princìpi etici, come yama e niyama, di pratiche di pulizia interna, gli Satkarman, così come organizziamo incontri e seminari sulla sua storia e filosofia.

 

Coltivare un mondo interiore

Uno degli aspetti più importanti dell’attitudine che lo yoga sviluppa è la presenza mentale, la capacità di ascolto e di consapevolezza. Dentro e dietro i nostri gesti la pratica ci permette di cogliere lo stato più profondo della nostra mente e di scoprire le sue caratteristiche e potenzialità. La cura per questo spazio interiore è anche uno degli aspetti più delicati del nostro insegnamento, perché è proprio da questa dimensione intima e profonda che possiamo trasmettere ciò che abbiamo appreso attraverso la nostra esperienza di pratica.

 

Le persone prima di tutto

L’attenzione, l’ascolto, il desiderio di essere davvero in relazione con le persone sono le ragioni che ci hanno portato a strutturare i nostri corsi con un numero limitato di allievi in modo da poterli davvero seguire. I nostri corsi sono declinati secondo una gradualità e una progressività che da proposte base ci porta a quelle più avanzate. Anche la tipologia di iscrizione, che non prevede tessere ad ingressi, è stata pensata proprio per sostenere la continuità e la progressione del percorso e degli apprendimenti. È anche un metodo per curare la relazione unica tra le/gli insegnanti e le allieve/gli allievi approfondendo fiducia e reciproca conoscenza. Sappiamo che questo può generare difficoltà organizzative per le vite a volte non semplici e per questo prevediamo un’ampia possibilità di recupero oppure la frequenza online o ancora la registrazione delle lezioni perse.

 

Essere insegnanti in cammino

Un insegnamento di questo tipo non può, a nostro avviso, essere improvvisato, né può bastare la certificazione di un corso di qualche centinaio di ore a formare insegnanti capaci di trasmettere e al tempo stesso restare costantemente in ascolto di sé e dell’altro. La scelta di fare rete in una Scuola e di collegarci ad associazioni su scala nazionale, come la YANI (Yoga – Associazione Nazionale Insegnanti), è proprio ciò che ci permette di essere garanti della qualità dei percorsi formativi di chi insegna al Centro Natura. Le nostre e i nostri insegnanti prima di dedicarsi all’insegnamento sono state/i a lungo praticanti di yoga, e continuano ad esserlo, e frequentano regolarmente corsi, seminari, convegni, incontri di formazione nell’ottica di una formazione continua e duratura.

 

L’importanza di non ‘gureggiare’

Il grande senso di rispetto verso ciò che trasmettiamo e verso le persone è ciò che ci impedisce di ‘gureggiare’. Non alimentiamo in alcun modo forme di adorazione o di dipendenza nei nostri confronti. I nostri corsi sono scevri di aspetti devozionali o religiosi perché lasciamo ad ogni persona la libertà di approfondire e orientare il suo approccio allo yoga e alla vita a seconda delle proprie inclinazioni, dando, se richiesto e possibile, la nostra disponibilità e il nostro supporto attraverso consigli di lettura, studio, viaggio, pratica, ecc.

 

‘Non ad ogni costo’, per un’etica delle proposte

La nostra Scuola non partecipa a iniziative estremamente commerciali sullo yoga che è ormai un business planetario, un supermercato dove si ‘vende’ di tutto come per qualunque altro bene di consumo. Piuttosto cerchiamo di offrire regolarmente iniziative gratuite aperte alla cittadinanza, sia al Centro Natura sia in contesti che promuovono benessere e salute pubblica, anche attraverso progetti istituzionali promossi, per esempio, da Comune e Ausl.

 

Una mappa aperta

Nel concludere questa panoramica di valori per noi fondanti, ci teniamo a dire che questi non sono per noi comandamenti rigidi e per sempre definiti. Sono punti saldi di un cammino che è in continuo divenire, perché continuamente mutano gli orizzonti entro cui muoviamo i passi e le relazioni che componiamo con chi cammina insieme a noi. Allora diventa importante lasciare in questo finale una sospensione, una domanda che arrivi anche a voi che leggete: vi riconoscete nei princìpi in cui noi ci incontriamo? E se sì o se no, perché? E quali altri valori che non abbiamo sfiorato qui sentite poter diventare un’ulteriore occasione di incontro?
Scriveteci, commentateci, parlateci a lezione. Sarà per noi un grande arricchimento ascoltare le vostre riflessioni e integrarle nella nostra mappa di valori.