Yoga e etica

Yoga e etica, in una nuova rubrica

Il 2020 arricchisce il nostro blog di una nuova rubrica “Yoga”.  L’intento è di condividere contenuti e valori fuori dalle aule di pratica e renderli disponibili ai più. La generosità delle nostre insegnanti di Yoga non si è fermata agli incontri “Oltre la pratica”. Hanno accolto la richiesta di produrre testi su vari temi e Virginia Farina ha assunto il ruolo di “penna” del gruppo.  I testi sono frutto di un lavoro di tutto il gruppo insegnanti della Scuola di Yoga Centro Natura, a Virginia il compito di raccogliere i temi, gli argomenti, le parole chiave e riordinarli.

Questo intervento è pensato per condurci a riflettere su temi e valori fondamentali nello Yoga, ma altrettanto importanti nella nostra vita quotidiana, dal privato al sociale, che possono dare un contributo a ciascuno, in qualunque contesto si viva e si operi, fuori dal tappetino di pratica.

E come vuole lo Yoga non vi anticipiamo nulla, ci arriveremo tappa dopo tappa, con cadenza mensile. Seguiteci e ogni primo sabato del mese vi verranno svelati.

Yoga ed etica

Sono tante le parole che facilmente associamo allo Yoga: benessere, calma, flessibilità, armonia, etc. Se però diciamo che lo Yoga ha anche a che fare con l’etica, l’associazione pare meno immediata. Eppure possiamo dire che l’etica è uno dei suoi fondamenti originari. E’ quel respiro che tiene insieme la nostra vita e l’esperienza che facciamo sul tappetino in una continua relazione di reciprocità.

Ma cosa intendiamo con etica? E in che modo lo Yoga può avervi a che fare?

Non bastano poche righe per esaurire domande così importanti, domande che sono preziose proprio perché rimanendo aperte rilanciano la nostra pratica, qualunque essa sia. Ritornare alla trasmissione più antica e originaria dello Yoga, quella degli Yoga Sutra di Patanjali ci aiuta a mettere in chiaro i termini della questione e a comprenderne l’essenzialità.

Patanjali parla dello Yoga come di uno stato dell’essere e di un percorso che si compone di otto parti, una delle quali è Asana, l’insieme di posizioni o le posture che tutte e tutti conosciamo. Prima di Asana Patanjali introduce due elementi importantissimi: Yama e Niyama, ovvero quei fondamenti etici che regolano le nostre relazioni con gli altri e con noi stessi.

Complementarietà e interazioni

È interessante osservare come nel pensiero indiano ci sia una forte complementarietà tra quei principi che orientano le azioni verso il mondo (ovvero gli Yama, che ci parlano di valori come ahimsa, la non violenza, o satya, l’autenticità, solo per citarne alcuni) e quelli che parlano del nostro rapporto con noi stessi (detti Niyama, che comprendono, tra gli altri, sauca, la “pulizia”, o santosa, la contentezza).

Approfondiremo in più momenti le specificità di questi principi. Ora ci pare prezioso osservare la bellezza di questo percorso che sembra volerci invitare a un buon vivere, dove non ci sono fratture, divisioni, tra la cura che abbiamo di noi stessi e quella che possiamo portare intorno a noi. L’una genera l’altra, l’una nutre l’altra.

L’etica che ne fiorisce, dunque, è un’etica che si fonda sul nostro corpo, sul suo movimento vitale, sul suo respiro, sulla gioia che nasce quando piano piano lo sentiamo liberarsi di quei piccoli e grandi condizionamenti dati dai nostri automatismi. È un’etica dell’esperienza, concreta, che ci permette di confrontarci con noi stessi e con il nostro funzionamento più profondo. Cosa accade quando tutto il nostro turbinio interiore si acquieta? Quando il nostro addome respira e abbiamo la sensazione non più soltanto di esistere, ma di essere pienamente vivi e presenti a ciò che accade? Che valore ha allora la vita? Che qualità hanno allora le nostre percezioni, le nostre relazioni?

Lo Yoga, pur dandoci dei principi, non ci dà risposte definitive. Ci offre una possibilità di esperienza che può diventare un grande potenziale di crescita, di fioritura, chiedendoci di metterci in gioco in un dialogo continuo tra ciò che è dentro e ciò che è intorno a noi.

Perché soltanto permettendo a noi stessi di cambiare potremmo creare le condizioni per generare quel cambiamento che, a volte, vorremmo portare nel mondo.

Yoga e etica – Virginia Farina per Scuola di yoga Centro Natura